I Beatles finalmente in mostra
Così prese vita la storia della musica
La retrospettiva ripercorre il periodo degli Hamburg Days, gli anni formativi

Sono passati sessanta anni dal primo incontro, il 6 luglio 1957, degli allora minorenni John Lennon e Paul McCartney nel giardino della chiesa di St Peter nel quartiere di Woolton a Liverpool, dove John suonava con il suo gruppo di allora, The Quarry Men. Un incontro fondamentale per la nascita dei Beatles e della cultura popolare in Europa. La retrospettiva a Palazzo Fava, Palazzo delle Esposizioni di Bologna, celebra fino al 9 ottobre questo importante anniversario e ripercorre la storia dei cosiddetti “Hamburg Days”, gli anni formativi dei Beatles nell’Amburgo del dopoguerra e tappa fondamentale della cultura pop, attraverso gli scatti della fotografa Astrid Kirchherr che non solo immortalò il gruppo quando ancora si stava formando, ma ne influenzò profondamente lo stile trasformandolo in quello che tutti oggi conosciamo. Astrid Kirchherr, all’epoca studentessa al politecnico e assistente del fotografo Reinhard Wolf, incontra per la prima volta i Beatles nel 1960 al Kiserkeller, uno dei molti locali sulla Reeperbahn in cui le giovani band inglesi venivano messe sotto contratto a pochi marchi per suonare Rock’n’Roll tutta la notte. La band era allora composta da John Lennon, Paul McCartney, George Harrison, Pete Best e Stuart Sutcliffe che in seguito si legò anche sentimentalmente alla Kirchherr al punto da chiederle di sposarla e lasciare la band per rimanere con lei ad Amburgo. Da allora i Beatles rimasero solamente in quattro e presto Best venne sostituito da Ringo Starr. Sutcliffe morì dopo appena due anni, mentre i Beatles stavano diventano un fenomeno di massa. contest. Info: www.genusbononiae.it


PALAZZO BELLONI
Un modo nuovo per scoprire la città e il suo spirito

Abbandonare i panni dello spettatore e diventare attore della propria esperienza di scoperta della città. Il settecentesco Palazzo Belloni, diventa la sede di un nuovo concept esplorativo alla ricerca dell’anima di Bologna. Qualcosa che non si spiega, ma si vive in prima persona. Bologna Experience, fino all’8 ottobre, non è un museo né una mostra didattica né un parco giochi, ma una messa in scena virtuale a uso e consumo delle aspettative del pubblico. È un’esperienza multimediale e interattiva. Utilizza con creatività le nuove tecnologie, mettendole al servizio di un’idea forte quanto ambiziosa: raccontare ai turisti e ai bolognesi lo spirito di questo luogo. Info: www.palazzobelloni.com/ home/bolognaexperience


MARZABOTTO
Passeggiando al chiaro di luna lungo lo storico Percorso della Memoria

Visita guidata lungo il percorso della memoria illuminati dalla luna piena. Il 10 ottobre si va alla scoperta del Monte Sole, a Marzabotto. Ritrovo alle 20 al Centro Visita “Il Poggiolo” dove viene servita la cena con menu casalingo della tradizione. www.enteparchi.bo.it


CHIESA DI SANTA MARIA DEI SERVI
In Strada Maggiore Grandi Interpreti e Il Nuovo l’Antico

In Santa Maria dei Servi a Bologna, il Collegium Vocale Gent esegue Vespro della Beata Vergine di Monteverdi. Concerto Bologna Festival nell’ambito sia di “Grandi Interpreti” sia de “Il Nuovo l’Antico – Monteverdi sacro e profano”. Il 26 ottobre. www.comune.sanlazzaro.bo.it


Milo Manara in mostra a Palazzo Pallavicini
Viaggio nella carriera di un grande artista

Sono ben 130 le opere, tutte distribuite in sette sezioni per rendere omaggio a Milo Manara, uno degli autori contemporanei italiani più conosciuti e apprezzati in assoluto di tutto il mondo. Sempre abbracciando la produzione fumettistica e il lavoro d’illustratore per la stampa, il cinema, la pubblicità: dalle tavole quasi mai viste di Un Fascio di Bombe fino all’assoluta anteprima delle tavole del secondo volume del Caravaggio, ancora non disponibile in libreria. Padre dell’immaginario erotico, e non solo, d’intere generazioni, dagli anni Ottanta in poi Manara ha rivoluzionato l’universo dei fumetti con il suo tratto inconfondibile, influenzando e ispirando centinaia di autori in Europa, negli Stati Uniti e in Giappone. L’esposizione a Palazzo Pallavicini (Via San Felice 24) a Bologna è un viaggio nella carriera di un grande esploratore, rivolta agli appassionati del fumetto ma anche a chi di Manara conosce solo il tratto o il nome. Tutti i giorni, tranne i martedì, fino al 21 gennaio. Info: www.palazzopallavicini.com

 


Tappa a Funo

Tutti i giovedì pomeriggio di ottobre dalle 15 alle 19 nell’area antistante il Centro civico di Funo di Argelato, in via Resistenza angolo via Galliera, viene allestito il Mercato contadino. In vendita i prodotti derivanti dall’attività aziendale o i loro trasformati lavorati dalle imprese, tutti secondo la formula dal produttore al consumatore. Info: www.comune.argelato.bo.it


Tutti a zonzo per musei

Quadri, sculture e molto altro ovvero lo sterminato patrimonio delle antiche Opere Pie si possono ammirare dal vivo grazie a un ciclo di visite guidate in programma il 20 ottobre e il terzo venerdì del mese. Di volta in volta è il turno del Museo Civico Medievale, delle Collezioni Comunali d’Arte, del Museo Davia Bargellini e della Quadreria. Info: informa.comune.bologna.it


Medeamaterial, teatro musicale

Nell’ambito di BolognaModern#2 c’è Medeamaterial, a cura del francese Pascal Dusapin, uno dei compositori più importanti della scena musicale odierna, su libretto del drammaturgo Heiner Müller, abbinato a Medea di Georg Benda, atto unico del 1775. La regia è di Pamela Hunter, per una produzione realizzata con la Nimrod Opera Zurich. Al Teatro Comunale, l’11 e il 12 ottobre. Info: www.comunalebologna.it

 


COME ARRIVARE A CASALECCHIO DI RENO

Per raggiungere Casalecchio di Reno da Bologna percorrere la SS 64 (Porrettana). Per chi viene da Nord o Sud, prendere la A1, continuare sulla A14 in direzione di Bologna, uscire in direzione Bologna – Casalecchio e proseguire sulla SS64


Il viaggio di una nuvola

Le nuvole in cielo non stanno mai ferme. Hanno tante forme e colori che le accompagnano nei loro viaggi. Un mondo pieno di posti diversi da scoprire insieme. Alle nuvole piace andare dalla campagna al deserto, ma a volte anche fermarsi sopra la testa e raccontare una storia. Lo spettacolo al Teatro Testoni Ragazzi di Bologna il 28 e il 29 ottobre. Info: www.testoniragazzi.it


La croce ritrovata

Una preziosa croce viaria, ritrovata nell’ottobre 2013 durante i lavori di pavimentazione del portico della chiesa di Santa Maria Maggiore di Bologna, viene esposta per la prima volta al Museo Civico Medievale. Anche nel mese di ottobre si può ammirare questa opera restaurata da Giovanni Giannelli. Il percorso propone una selezione di altri 14 pezzi. Info: www.museibologna.it


San Lazzaro è bio

Per ritrovare lo spirito dei mercati di un tempo, per acquistare prodotti biologici certificati a km zero, per sperimentare con laboratori a tema. Tutti i martedì di ottobre, dalle 15.30, nel Cortile del Centro Sociale Fiorenzo Malpensa. Ogni settimana un giardino nel centro della città che propone prodotti della terra sani, biologici e a km 0. Info: sanlazzaroebio. wordpress.com


Ligabue e il Made in Italy Tour

DIVENTATO NEGLI anni un punto di riferimento per la musica italiana e internazionale, il palazzetto Unipol Arena conferma anche per la stagione 2017-18 un calendario di concerti capace di attirare appassionati da tutta Italia. Fanno tappa a Casalecchio nomi noti della musica italiana e artisti di fama internazionale. Il 27 e il 28 ottobre 2017 si esibisce Ligabue nell’ambito del Made in Italy Tour. Info: www.unipolarena.it

 


Imola, alle origini del mito dei bolidi a 2 e 4 ruote
Fino al 16 ottobre al Museo Checco Costa

Era il 19 ottobre del 1952 quando l’Autodromo di Imola è stato collaudato dai grandi campioni dell’epoca. Adesso fino al 16 ottobre è visitabile la mostra “Imola ‘50. Alle origini del mito” al Museo “Checco Costa” dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. L’esposizione racconta le origini della storia della struttura attraverso la ricostruzione delle prime gare di motociclismo e di automobilismo disputate sul circuito del Santerno: le leggendarie Coppa d’oro Shell per le moto e Gran Premio Shell per le auto. Un viaggio negli indimenticabili anni Cinquanta attraverso i bolidi, a due e quattro ruote, che per primi sfrecciarono nella nuovissima pista di Imola, con l’obiettivo di riscoprire e ricordare quel periodo storico in cui tutto ebbe inizio. Lo spazio museale ospita un percorso emozionale, tra preziose fotografie e inediti documenti video, che costruiscono il coinvolgente scenario per le indiscusse protagoniste dell’esposizione, vere e proprie opere d’arte a due e quattro ruote. Info: visitareimola.it/events/ imola-50-alle-origini-del-mito/


COME ARRIVARE A OZZANO
Per Ozzano, da Bologna imboccare la strada statale 9 (Via Emilia) in direzione Imola fino a Ozzano dell’Emilia. Da Rimini-Ravenna, dall’A14 uscita Castel San Pietro, imboccare la statale 9 fino a destinazione.


Farmer’s Market

L’esperienza del Farmer’s Market di Piazza Zapelloni ha permesso di replicare il mercatino degli agricoltori anche nella frazione di Villanova. Ogni martedì pomeriggio del mese di ottobre presso il parcheggio di via Villanova fanno bella mostra di sé i prodotti di stagione del territorio, ma anche miele, pane e prodotti da forno, vino e piante. Info: www.comune.castenaso.bo.it


Le palafitte oggi

Il polo del Museo Archeologico ambientale di Anzola dell’Emilia ospita fino a fine anno la mostra permanente “Anzola al tempo delle Terramare”, i villaggi su palafitte costruiti dalle popolazioni dell’età del bronzo. Due sale accolgono i reperti trovati nel corso dei sondaggi di questi ultimi anni e un’aula riproduce una capanna dell’età del Bronzo. Info: www.archeobo.arti.beniculturali.it


Momenti di vita di ebrei in diaspora

IL MUSEO EBRAICO di Bologna per tutto ottobre la mostra “Another Country – Momenti di vita di ebrei in diaspora”. Le circa 40 fotografie sono l’occasione per cogliere momenti di vita degli ebrei nelle varie comunità sparse tra l’Europa, l’Africa e l’Asia. Tutte corredate di descrizioni e messe a disposizione dal Museo Beit Hatfutsot di Tel Aviv, sono una delle più importanti istituzioni di Israele sulla storia del popolo ebraico. Info: agenda.comune.bologna.it

 

 


Mexico in mostra

A Palazzo Fava a Bologna sessantotto opere tra le più significative della pittura muralista messicana, riconosciute patrimonio nazionale messicano e
appartenenti al Museo Carrillo Gil, al Museo Nacional de Arte e al Museo de Veracruz. In mostra anche José Clemente Orozco, Diego Rivera, David Alfaro Siqueiros. Porte aperte da giovedì 19 ottobre. Info: www.genusbononiae.it


Terra Terra a Ozzano

Il mercato degli agricoltori di Ozzano “Terra Terra” propone prodotti a km zero. Tutti i giovedì pomeriggio dalle 17 alle 20 prende vita un mercato contadino basato sulla partecipazione per permettere la conoscenza di ciò che si mangia e promuove l’agricoltura come elemento fondamentale per la conservazione di territorio e delle relazioni sociali. Info: www.facebook.com/mercatoterraterra


Tutto su Ayrton Senna, campione di F1

L’indimenticato campione della Formula 1 Ayrton Senna incontra un altro mito delle quattro ruote: i motori Lamborghini. Il risultato è la mostra “Ayrton Senna. L’ultima notte”, esposizione speciale ospitata nel Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese, dedicata al campione. Per la prima volta è possibile vedere in un unico percorso espositivo le fotografie più significative della storia del pilota. Info: www.lamborghini.com


Omaggio alle donne della Belle Époque

Il Museo Magi ‘900 di Pieve di Cento arricchisce la sua collezione d’arte con una nuova sala permanente dedicata al mito della Belle Époque. In un allestimento costruito sul filo sottile della seduzione femminile, uno dei temi più trasversali percorsi dalle arti visive tra Ottocento e Novecento, il museo approfondisce un’età dell’oro tra dipinti, sculture, manifesti, incisioni e riviste di artisti. Info: www.magi900.com