Continua L’Eterno e il Tempo ai Musei San Domenico

La mostra a Forlì resta aperta fino al 17 giugno

Ancora fino al 17 giugno è possibile visitare ai Musei San Domenico di Forlì, una mostra definita a ragione “sontuosa”. L’Eterno e il Tempo tra Michelangelo e Caravaggio documenta quello che è stato uno dei momenti più alti e affascinanti della storia occidentale. Gli anni che idealmente intercorrono tra il Sacco di Roma (1527) e la morte di Caravaggio (1610), tra l’avvio della Riforma protestante (1517-1520) e il Concilio di Trento (1545-1563), tra il Giudizio universale di Michelangelo (1541) e il Sidereus Nuncius di Galileo (1610) rappresentano l’avvio della nostra modernità.Ad essere protagonisti del nuovo percorso espositivo, sono il dramma e il fascino di un secolo che vide convivere gli inquietanti spasimi di un superbo tramonto, quello del Rinascimento, e il procedere di un nuovo e luministico orizzonte, con grandi capolavori del Manierismo.
è in questo tempo che si sviluppano scuole e orientamenti nuovi. Dal tentativo di dare vita a “un’arte senza tempo” di Valeriano e Pulzone, nell’ambiente romano, agli esiti del modellato cromatico di Tiziano, al naturalismo dei Carracci, con quel loro “affettuoso timbro lombardo”, come lo chiama Longhi.
 Info e prenotazioni: 199.15.11.34 – 0543.36.217 (gruppi e scuole)
www.mostraeternoeiltempo.it


IMPERDIBILE

Fiera tradizionale  del cedro 2018

La festa del primo maggio è dedicata al santo venerato nella Chiesa di Santa Maria dei Servi. San Pellegrino fu artefice di molti miracoli e pare che utilizzasse le virtù dei cedri per confortare gli ammalati. I cedri acquistati venivano benedetti in chiesa e quindi serviti in tavola per festeggiare.
Info: www.promomercato.it


LA GARA

Matematica tempo di Olimpiadi

Questa è la 34esima edizione nazionale delle Olimpiadi di matematica a cui partecipano circa 300 studenti delle scuole superiori, scelti tra centinaia di migliaia. La prova di Cesenatico (4-6 maggio) è valida per la selezione della rappresentativa che prenderà parte alla finale mondiale.
Info: www.olimpiadi.dm.unibo.it


Dalla moto-tagliatella al cinghiale fino al Sangiovese

Ecco il mese delle grandi sagre

Tante le feste locali per assaggiare le prelibatezze nei comuni del comprensorio. Una delle più rinomate è la Sagra della fragola a Fratta Terme: durante questa giornata viene presentato questo frutto prelibato e servito in più modi. Non solo, ma questo mese riserva anche la moto-tagliatella, la Sagra del cinghiale e la Sagra della bruschetta e del Sangiovese. La prima manifestazione, nei primi giorni di maggio, si ispira a due grandi passioni romagnole: l’amore per la buona cucina e per la motocicletta, per questo non è competitiva ma sportiva e basata sul divertimento, sono infatti invitati tutti i motociclisti e non. Durante la festa ci sono le ‘zdaure romagnole a preparare ottime tagliatelle. La seconda, che si svolge nel terzo fine settimana del mese, è una vera e propria sagra-evento in onore del cinghiale. Durante le tre giornate è possibile gustare la carne pregiata di questo animale cucinata nei modi più classici.
Info: web.provincia.fc.it


SU IL SIPARIO

Sinfonie al Teatro Diego Fabbri

Il Teatro Diego Fabbri di Forlì prosegue in grande stile la stagione musicale del 2018 con nomi illustri del panorama musicale nazionale e internazionale, che si esibiranno in sinfonie classiche, moderne e originali composizioni. Venerdì 4 maggio alle 21 “Asascurdem. Nulla si sa, tutto si immagina”.
Info: www.teatrodiegofabbri.it


LA VISITA

Mosaici del volo  tutti da scoprire

Alla scoperta dell’Ex Collegio Aeronautico. Il Comune di Forlì ha attivato una convenzione con gli Istituti scolastici nell’edificio per permettere di visitare i mosaici del volo del Canevari e la sala dei mappamondi. Necessario per l’organizzazione comunicare la prenotazione con tre giorni di anticipo.
Info: www.comune.forli.fc.it


Fiera internazionale della bicicletta
Cesenatico per chi ama le due ruote

L’ppuntamento con “Ciclo & Vento” è per il 18 e il 19 maggio

Torna in sella, con tutto il suo carico di novità e aggiornamenti tecnologici in fatto di biciclette, attrezzature e percorsi cicloturistici, la Fiera Ciclo & Vento, arrivata quest’anno alla sua 23esima edizione. L’esposizione si colloca nell’ambito delle iniziative dedicate alla Settimana del Cicloturismo. Il cuore dell’expo (18-19 maggio) è la grande tensostruttura allestita in Piazza Andrea Costa, a due passi dal mare, dove si danno appuntamento un’ottantina di aziende. Si riunisce qui il ciclismo a 360 gradi: da quello tecnico dei professionisti del pedale a quello accessoriato dei cicloamatori, per finire con le novità gradite ai ciclisti che della bicicletta hanno fatto uno stile di vita ecologico, un modo per fare sport, o più semplicemente l’occasione per una pedalata fuori città. I settori merceologici in mostra vanno dalle biciclette ai telai in carbonio, dai manubri e accessori alle ruote, dall’abbigliamento tecnico alle scarpe, dagli integratori alle riviste specializzate. Di queste, oltre trenta sono ospitate nella speciale tensostruttura montata in piazza Costa, mentre altre cinquanta espongono nell’area fieristica ricavata in viale Carducci e in viale Roma a Cesenatico.
Info: www.cicloevento.it


I CONCERTI

Organi Callido prima rassegna

La prima edizione della rassegna Organi Callido racconta dei 6 pregiati organi prodotti da Gaetano Callido e ancora presenti nelle chiese del centro storico di Forlì.
La rassegna, in programma fino a giugno, propone un interessante itinerario alla scoperta dei luoghi e dell’armonia degli strumenti.
Info: www.soroptimist.it


LE FOTOGRAFIE

San Mauro Mare 12 passi indietro

Sul lungomare Vincenzi i visitatori fanno un tuffo nel passato per guardare al domani, grazie alla mostra fotografica permanente sulla storia di San Mauro Mare.
Da Gianni Morandi alla pineta che non c’è più fino ai giochi di una volta realizzati da Ludendo (Lodi). Le immagini sono del secolo scorso.
Info: www.sanmauromare.net


Grafica, pittura e oreficeria sacra

Castrocaro, arti e artisti tra il sacro e il profano

Il Padiglione delle Feste di Castrocaro Terme ospita la mostra dedicata al sacro e al profano, esposizione che si inserisce a pieno titolo nel progetto di valorizzazione delle arti tra 500 e 600. Tra le opere pittoriche si può ammirare l’interno di chiesa gotica dipinto a olio su rame dall’artista belga Hendrick Aerts, il quadro di singolare bellezza rappresentante il suicidio di Lucrezia proveniente dalla Bottega di Guido Reni, oltre ai dipinti della cerchia Bassanesca, Giovan Battista Crespi, Francesco Albani e Girolamo Troppa. Scopo della mostra è di dare spazio non solo ai supporti maggiori come la tela, ma anche a quelle arti considerate minori, quali l’argenteria sacra (ostensori, pissidi, croci) e le opere grafiche (xilografia, acquaforte, bulino) di grandi maestri come Guido Reni, Agostino Carracci e Rembrandt. Possibilità di visitare l’esposizione anche per tutto il mese di maggio.
Info: www.visitcastrocaro.it


Palazzo Romagnoli

Auto/Ritratti del 900 Forlivese

Prosegue la serie delle mostre temporanee a Palazzo Romagnoli a Forlì, all’interno del percorso denominato Grande Romagna, con l’obiettivo di far conoscere al pubblico opere novecentesche della Pinacoteca civica. Alle monografiche dedicate a Giovanni Marchini e a Carmen Silvestroni, fa seguito ora una rassegna tematica centrata sul Ritratto, in esposizione fino al 17 giugno. Quattordici sono le opere in esposizione, oltre a esemplari già presenti nelle prime due sale del percorso espositivo Grande Romagna, come nel caso degli Autoritratti di Pietro Angelini e di Giovanni Marchini. Si va da un curioso busto in terracotta policroma dello scultore palermitano Ettore Ximenes con il ritratto del pittore d’origine forlivese Francesco Vinea, al non meno attraente Autoritratto nello studio del forlimpopolese Sante Malmesi, risalente anch’esso all’ultimo scorcio del secolo scorso diciannovesimo.
Info: www.cultura.comune.forli.fc.it